Questo portale utilizza i cookie anche di terze parti per il funzionamento del sito e per raccogliere dati anonimi sulla navigazione.

Proseguendo con la navigazione si acconsente all'uso dei cookie; per negare il consenso, si rinvia all'informativa estesa.


LICEO STATALE 
"LEONARDO DA VINCI"
Scientifico - Classico - Scienze Umane

Auguri di inizio anno scolastico

                                                                              Alla comunità del Liceo Leonardo da Vinci

Oggi ritorniamo a “fare scuola” come si deve, nel nostro Liceo, nelle nostre aule, nei nostri corridoi, con i nostri compagni o colleghi, con i nostri e le nostre prof, se siamo studenti, con le nostre alunne e i nostri alunni, se siamo prof o collaboratori o assistenti.

Riprendiamo, finalmente.

Certo, le fastidiose mascherine, la mancanza delle macchinette con le bibite e le merendine, i percorsi obbligati, la ricreazione in classe invece che nei nostri bei campi all’aperto, tutte queste limitazioni che quel maledetto del Covid ci ha imposto, ci danno un bell’impiccio. Ma sopportiamo e sopporteremo ancora un altro po’, perché non possiamo farci sopraffare da quell’infido mostriciattolo che ha fatto e sta facendo soffrire e morire tanti nostri compatrioti, tanti nostri fratelli, tanti uomini e donne nel mondo. Non possiamo dargliela vinta! Siamo o no più evoluti, più scaltri, più intelligenti di un microbico agglomerato di grasso e proteine?

Non vado oltre queste parole “leggere” nelle raccomandazioni. So bene di poter contare sulla coscienza civica, sullo spirito di appartenenza alla comunità, sulla maturità di tutti per far sì che, pur tra tante difficoltà si possa “fare scuola” tutti insieme. Sono certo che le regole che ci siamo dati, che, comunque, farò rispettare alla lettera, ognuno di noi le senta come un inderogabile imperativo morale, se le autoimponga, senza che ci sia qualcuno che “faccia il guardiano”, in nome della tutela e della salute comune, del bene collettivo della nostra comunità.

Ora permettetemi di augurarvi, di augurarci, un buon anno scolastico, in particolare ai nuovi arrivati delle classi prime. Ci dispiace che per loro non potremo realizzare le attività di accoglienza come negli anni scorsi. Faremo in modo che sentano ugualmente il calore e la “fraternità” di tutti.

Buon anno a tutte e a tutti.

     

                                                                        Mario Fiorillo